OMV VENEZIA - I rischi del pesce crudo, e non solo: un Convegno per svelarli

02/10/2017
.

Il pesce fa bene e pare che gli italiani l’abbiano capito, dato che sono ben 25 i chili di prodotti ittici consumati ogni anno da ogni singolo cittadino. Mare e allevamenti forniscono materia di prima qualità, ma i rischi si corrono sempre, soprattutto se si abbassa la soglia dell’attenzione.
Proprio per questo, allora, per capire quali siano i rischi per l’uomo, come evitarli e come funzionino i controlli in questo ambito, l’OMCeO lagunare e l’Ordine veneziano dei Medici Veterinari hanno organizzato un incontro, Malattie trasmissibili dai prodotti della pesca all’uomo, in programma giovedì 5 ottobre a partire dalle ore 20 nella sala Caterina Boscolo dell’Ordine, in via Mestrina. Una serata di aggiornamento che chiude una serie di incontri dedicati alla formazione comune delle due categorie.
Il Presidente dei veterinari di Venezia, Sandro Zucchetta, ha presentato l’iniziativa nel corso di una intervista (la versione integrale è pubblicata sul portale dell’Ordine) illustrando le ragioni per le quali ritiene importante un incontro simile per i medici e per i veterinari.

C’è un tratto comune ai 4 incontri che abbiamo organizzato insieme” ha dichiarato Sandro Zucchetto ritenendo fondamentale lo scambio di informazioni.
Le nostre sono professioni della salute per la tutela del cittadino: ognuno ha le proprie competenze, ma lo scambio di informazioni è utile per avere un quadro complessivo della situazione sia sotto il profilo statistico sia soprattutto per formulare ipotesi di lavoro che consentano di migliorare sempre di più i servizi. Spesso i problemi nascono perché mancano i dati, le informazioni: per questo una sinergia è auspicabile. Il confronto tra competenti è utile perché ci si può capire meglio in quelle criticità, normali in tutti i processi, che possono sorgere e che questa collaborazione può aiutare a superare”.

Fonte: 
Ufficio stampa FNOVI
FNOVI!
iscriviti alla newsletter di