Vetfutures 2017

02/10/2017
.

Percorso clinico, sanità pubblica, industrie e ricerca: gli sbocchi lavorativi per i giovani medici veterinari sono molteplici. Se n’è discusso a Roma in occasione dei lavori del Workshop “Vetfutures 2017” promosso dalla FNOVI per favorire un confronto costruttivo fra i giovani medici veterinari.
Nato nel Regno Unito nel 2014 e poi presentato all’Assemblea FVE, ora VetFutures arriva in Italia. Partendo dall’assunto del Professor Drucker, guru del business, secondo il quale “il miglior modo di predire il futuro è di crearlo”, sono tante le ricerche utili a definire una visione della professione del medico veterinario per il 2030.
Gaetano Penocchio ha dichiarato che esiste una “generale necessità di essere accompagnati e di accompagnare i giovani”. Le problematiche dei giovani, che devono inserirsi in contesti troppo spesso gestiti da una classe dirigente composta da professionisti adulti, sono diverse e le loro peculiari esigenze necessitano di attenzione.
Il Consigliere FNOVI, Daniela Mulas, coordinatrice della giornata ha illustrato le peculiare finzione del medico veterinario che si occupa di sanità pubblica non è coinvolto solo nelle problematiche legate alla sanità veterinaria ma si occupa complessivamente di sanità umana.

Fonte: 
Ufficio stampa FNOVI
FNOVI!
iscriviti alla newsletter di