Giornata Mondiale della Rabbia 2018

01/10/2018
.

In occasione della Giornata Mondiale della Rabbia 2018 (28 settembre 2018) 'The Lancet' ha pubblicato un lavoro scientifico sui risultati di una campagna di vaccinazione dei cani da parte di Mission Rabies ONG inglese, segnalando un netto calo del numero di casi presentati, a seguito di un programma di vaccinazione canina di massa attuato con successo dall'organizzazione non governativa Mission Rabies.

"La rabbia è una malattia endemica in Malawi. Di conseguenza, ogni anno muoiono ogni anno un numero considerevole di bambini. Molti altri vengono morso da cani potenzialmente infetti e richiedono una profilassi post-esposizione (PEP). Tuttavia, la rabbia è una malattia prevenibile contro la quale esistono vaccini efficaci per gli animali e per l'uomo. Le prove dimostrano che se la copertura vaccinale può raggiungere il 70% della popolazione canina, l'incidenza umana diminuirà.2 Il dipartimento pediatrico del Queen Elizabeth Central Hospital di Blantyre, Malawi, ha monitorato il numero di casi di rabbia nell'ultimo decennio, rivelando un picco su un periodo di 9 mesi nel 2012 (da giugno 2011 a febbraio 2012), quando sono stati segnalati dieci casi di rabbia pediatrica. Questa prevalenza ha rappresentato un aumento di tre volte il numero di casi segnalati tra il 2002 e il 2005 nello stesso ospedale. Tra maggio 2012 e maggio 2015, ci sono stati 12 casi di rabbia in età pediatrica.
Nel maggio 2015, a Blantyre, in Malawi, è stata avviata una campagna globale di vaccinazione contro la rabbia canina da Mission Rabies. A Blantyre, hanno raggiunto una copertura vaccinale totale nella popolazione canina del 79-3% nel 2015, del 78-3% nel 2016 e del 72-3% nel 2017.3 Poiché queste campagne di vaccinazione contro la rabbia canina, solo due pazienti pediatrici con rabbia sono stati ricoverati al Queen Elizabeth Central Hospital (figura), il che rappresenta una diminuzione sostanziale e clinicamente significativa nei casi di rabbia pediatrica. Nessuno di questi individui viveva in aree in cui si è svolta la campagna di vaccinazione".

Fonte: 
Ufficio stampa FNOVI