“Sistema di qualità e benessere animale” – FNOVI all’incontro organizzato congiuntamente dal MIPAF e MdS

22/10/2019
.

Come annunciato, si è svolto lo scorso 21 ottobre presso il MIPAF l’incontro che ha coinvolto tutti gli stakeholder della produzione e della trasformazione dei diversi comparti delle varie produzioni zootecniche italiane. Per la FNOVI era presente il Consigliere Medardo Cammi.
Nel suo intervento di apertura il Capo Dipartimento delle politiche europee ed internazionali del MIPAF, Giuseppe Blasi, ha fatto notare che era la prima volta che i due Ministeri si ritrovavano a collaborare animati dall’unico obbiettivo di far crescere la base produttiva garantendo sostenibilità e sicurezza alimentare negli allevamenti valutandoli in modo oggettivo con un unico sistema per tutto il territorio nazionale: Classyfarm.

È stato quindi riferito che i nuovi aiuti comunitari guarderanno sicuramente a nuovi aspetti quali l’AMR, la Consulenza aziendale legata alla figura del veterinario aziendale, la diagnosi ed epidemio-sorveglianza, il benessere animale e gli incentivi ai sistemi di qualità. Il Capo Dipartimento DIPEISR Blasi, con voce unanime dei rappresentanti del MdS presenti, ha poi chiarito che devono intendersi dismesse le varie certificazioni di prodotto legate ad altri sistemi di certificazione.
Annunciata quindi la costituzione di una banca dati unica zootecnica MdS e Mipaf che sarà resa disponibile per i consulenti aziendali e per i veterinari ufficiali.
Per il Ministero della Salute era presente il Direttore Generale della DGSAF, Silvio Borrello, il quale ha sottolineato che l’evento rappresenta una preziosa opportunità di confronto su di un percorso che ha come fine condiviso la valorizzazione delle produzioni zootecniche. Le sfide e le problematiche cui va incontro l’allevamento di animali da reddito, così come il resto del comparto agro-zootecnico, si sono fatte negli anni più complesse e difficili da affrontare. I problemi legati alla produzione ed i rischi sanitari risultano sempre più interconnessi rendendo di fatto necessario un approccio integrato tra tutti gli attori coinvolti.
L’incontro si è quindi sviluppato intorno al tema della certificazione di qualità che, per il momento partirà solo per il suino in quanto è l’allevamento che ha già quasi tre anni di dati inseriti nel sistema Classyfarm.
Interessante il dibattito che si è sviluppato a seguito di tutti gli interventi programmati. All’incontro sono intervenuti Vincenzo Ugo Santucci (Ufficio 6 - Tutela del benessere animale, igiene zootecnica e igiene urbana veterinaria del MdS), Silvia Tramontin (ACCREDIA), G. Loris Alborali e L. Butazzone.
Il Consigliere FNOVI ha ribadito che gli Ordini, la FNOVI e società scientifiche hanno già fatto molto e faranno di tutto per fornire corsi formativi e percorsi di tutoraggio all’utilizzo di Classyfarm per i veterinari aziendali

Fonte: 
Ufficio stampa FNOVI