ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA E GESTIONE DEI FOCOLAI DA SARS-COV-2 NEGLI ALLEVAMENTI DI VISONI A LIVELLO NAZIONALE.

Con errata corrige del 23 dicembre
23/12/2020
.

Il Ministero della Salute ha divulgato una nota in merito alle misure di contenimento di COVID - 19 e allevamenti di visioni.
Per quanto riguarda la sospensione dell’attività di allevamento di visoni fino al 28 febbraio 2021 si specifica che è consentito unicamente il mantenimento dei riproduttori già presenti all’interno degli allevamenti senza avviare la fase di riproduzione. Sono altresì consentite le attività connesse con la gestione dei prodotti, sottoprodotti e rifiuti del ciclo produttivo appena conclusosi. È vietata la movimentazione di animali in entrata ed uscita dagli allevamenti. Entro la fine del mese di febbraio 2021 la sospensione dell’attività di allevamento dei visoni verrà rivalutata o confermata sulla base delle risultanze della sorveglianza prevista nell’Allegato 1 alla presente nota che potrà subire modifiche e/o integrazioni sulla base dell’evoluzione epidemiologica del COVID-19 in ambito nazionale e delle eventuali ulteriori evidenze scientifiche degli Organismi nazionali e internazionali relative alle infezioni da SARS-CoV 2 negli animali.
 

Le note DGSAF prot. n. 11120 del 14 maggio 2020, prot. n. 16241 del 21 luglio 2020 e prot. n. 19759 del 9 settembre 2020 sono abrogate.

AGGIORNAMENTO 23 dicembre 2020 
nel capitolo 5.2.2, penultimo capoverso, si specifica che la frase: “Anche le deiezioni degli animali devono essere smaltite come materiale specifico a rischio.” è eliminata.

Fonte: 
Ministero della Salute
FNOVI!
iscriviti alla newsletter di