LA COMMISSIONE AFFARI SOCIALI DELLA CAMERA RICHIAMA I CONCETTI ESPRESSI NELLA RELAZIONE DEL PRESIDENTE FNOVI SUL PNRR

25/03/2021
.

Lo scorso gennaio nella sua relazione “La transizione ambientale e digitale - Sostenibilità̀ e Recovery fund”, presentata al Consiglio Nazionale della FNOVI il presidente Fnovi aveva scritto "La pandemia ha evidenziato tutte le carenze del Sistema Sanitario Nazionale, dalla carenza di risorse umane che si è andata consolidando nel tempo, alla farraginosità̀ dei processi gestionali, alle difficoltà di gestione dell’assistenza, al ritardo nella digitalizzazione. Non di meno ha fatto emergere il grande senso di responsabilità̀ e la capacità di resilienza dei singoli operatori che spesso sono stati in grado di sopperire alle mancanze del sistema. Questo vale per gli operatori di sanità pubblica compresi i Medici Veterinari pubblici e privati che mai in questi mesi hanno fatto mancare, ognuno per la propria competenza, la loro attività̀. Il sistema della prevenzione agisce in logica One Health; ne segue che l’organizzazione degli assetti medico veterinari non potrà̀ che essere relazionata a quella delle professioni che agiscono nello stesso contesto, dai medici igienisti, ai medici del lavoro, IRCCS, ARPA, ecc. È quindi necessario ipotizzare azioni che perseguano l’obiettivo di rivedere e ridisegnare l’assetto organizzativo di una professione, la nostra, tanto centrale. E questo si può fare, in modo strutturato, ricorrendo alle opportunità che scaturiscono dal Next Generation EU”.

Anche nel corso dell’audizione in videoconferenza del 3 febbraio presso la Commissione Affari sociali della Camera dei deputati, il presidente aveva rappresentato la posizione della Federazione sulla Proposta di Piano di Ripresa e Resilienza, con particolare riferimento alla Missione n. 6 (Salute).

Martedì 23 marzo, la Commissione Affari Sociali della Camera ha concluso l'esame della Proposta di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza riprendendo i concetti espressi dal presidente Fnovi. 

Nello specifico, la Commissione ha espresso parere favorevole osservando che si rileva l'esigenza di colmare una lacuna costituita dall'assenza di un riferimento esplicito alla sanità pubblica veterinaria. Il benessere e la salute animale fanno parte dell'approccio One Health. All'interno della riforma che istituisce la rete SNPS (Sistema nazionale di prevenzione Salute ambiente e clima), che deve integrarsi con l'esistente SNPA, è necessario includere anche gli esperti di sanità animale. Occorre altresì implementare la rete tra la sanità pubblica umana e la sanità pubblica veterinaria, anche con banche date ministeriali interconnesse, per rafforzare la rete di epidemiosorveglianza;(..).

Il testo integrale del parere

Fonte: 
FNOVI
FNOVI!
iscriviti alla newsletter di